Pagine

confrontandoci

Nato per parlare di disabilità intellettiva, man mano ho aggiunto un pò di tutto...poesie, cucina, aforismi, racconti...ecc. :)


29/01/16

Beatrice Orsini






La porta d'ingresso è chiusa.
Nessuno può entrare,
nessuno può uscire.
I posti sono stati assegnati
e la chiave è andata smarrita
da tempo.
Sono qui, prigioniera di me stessa.

Beatrice Orsini



Esili sagome
nella nebbia 
invernale.
Solitarie
sentinelle
disseminate
nel bosco
mattutino.
I rami,
mani protese
in un abbraccio
negato.
Le radici, 
fragilmente
ancorate
nella fredda terra.
Così l’uomo,
solo, 
in mezzo
ad altre
solitudini.

27/01/16

Giorno della Memoria




"Se Dio esiste dovrà chiedermi perdono."


(Scritta trovata su un muro ad Auschwitz)


"La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati."




https://it.wikipedia.org/wiki/Giorno_della_Memoria


23/01/16

Desiderio



Solo il tuo cuore ardente
e niente più.
Il mio paradiso un campo
senza usignolo né lire,
con un fiume discreto
e una fontanella.
Senza lo sprone del vento
sopra le fronde
né la stella che vuole
essere foglia.
Una grandissima luce
che fosse lucciola
di un'altra,
in un campo di
sguardi viziosi.
Un riposo chiaro
e lì i nostri baci,
nèi sonori dell'eco,
si aprirebbero molto lontano.
Il tuo cuore ardente,
niente più.

~ Garcia Lorca ~

Er cane buffo




-Che cane buffo! E dove l' hai trovato? -

Er vecchio me rispose: - é brutto assai,
ma nun me lascia mai: s' é affezzionato.
L' unica compagnia che m' é rimasta,
fra tanti amichi, é ' sto lupetto nero:
nun é de razza, é vero,
ma m' é fedele e basta.
Io nun faccio questioni de colore:
l' azzioni bone e belle
vengheno su dar core
sotto qualunque pelle.(Trilussa)

17/01/16

La stagion del carnevale di Carlo Goldoni



La stagion del Carnevale
tutto il Mondo fa cambiar.
Chi sta bene e chi sta male
Carnevale fa rallegrar.

Chi ha denari se li spende;
chi non ne ha ne vuol trovar;
e s'impegna, e poi si vende,
per andarsi a sollazzar.

Qua la moglie e là il marito,
ognuno va dove gli par;
ognun corre a qualche invito,
chi a giocare e chi a ballar.

15/01/16

La Forza della Fragilità



Accettare le proprie fragilità è un atto di forza, non di debolezza. Certe volte le donne fanno di tutto per essere senza un difetto. Si impegnano – anzi certe volte si accaniscono- per eliminare ogni imperfezione: non si sentono sufficientemente belle, simpatiche, amorevoli, forti, coraggiose, intelligenti, interessanti, audaci, tenaci….

Avere delle fragilità per tante donne non va bene. Come se fosse sbagliato.

Ma non è così.
Nelle fragilità c’è la nostra unicità e la nostra forza: i nostri difetti ci fanno sentire vere e vive, donne di corpo e carne, non bambole di plastica.
Le nostre fragilità ci rendono umane, ci fanno ridere e piangere, ci fanno cadere e rialzare. Portano la vita dentro di noi. Non quella sterile e asettica ma quella nutriente e creativa.
Se entriamo in contatto intimo e aperto con le nostre fragilità sentiamo le emozioni con la pancia, e non con la testa. Amiamo con comprensione, siamo disponibili a capire le difficoltà degli altri, accogliamo i nostri difetti come una parte preziosa di noi: siamo donne “con il cuore”.
Accogliere le nostre fragilità ci fa sorridere anche quando tutto sembra andare storto, ci fa fare una risata quando il taglio di capelli è venuto male, ci fa sentire affascinanti anche se non siamo truccate e pettinate.
Quando accettiamo le nostre fragilità impariamo che non dobbiamo essere perfette per andare bene. Che i nostri difetti fanno parte della nostra unicità e si amalgamo ai nostri pregi, in un insieme ben riuscito. Senza non saremmo noi: donne uniche e vere.
Una donna forte si riconosce da come sa affrontare le sue debolezze.
Sapersi sentire “tranquillamente fragili” mette luce negli occhi, ardore nel sorriso, passione nel fare, amore nel cuore.
Si, la fragilità è una forza.
E’ la forza delle donne che vivono le pulsioni della loro anima.

Simona Oberhammer – La Via Femminile

06/01/16

Essere o non essere


"Essere, o non essere, questo è il dilemma:
se sia più nobile nella mente soffrire
i colpi di fionda e i dardi dell’oltraggiosa fortuna
o prendere le armi contro un mare di affanni
e, contrastandoli, porre loro fine? Morire, dormire…
nient’altro, e con un sonno dire che poniamo fine
al dolore del cuore e ai mille tumulti naturali
di cui è erede la carne: è una conclusione
da desiderarsi devotamente. Morire, dormire.
Dormire, forse sognare. Sì, qui è l’ostacolo,
perché in quel sonno di morte quali sogni possano venire
dopo che ci siamo cavati di dosso questo groviglio mortale
deve farci esitare. È questo lo scrupolo
che dà alla sventura una vita così lunga.
Perché chi sopporterebbe le frustate e gli scherni del tempo,
il torto dell’oppressore, la contumelia dell’uomo superbo,
gli spasimi dell’amore disprezzato, il ritardo della legge,
l’insolenza delle cariche ufficiali, e il disprezzo
che il merito paziente riceve dagli indegni,
quando egli stesso potrebbe darsi quietanza
con un semplice stiletto? Chi porterebbe fardelli,
grugnendo e sudando sotto il peso di una vita faticosa,
se non fosse che il terrore di qualcosa dopo la morte,
il paese inesplorato dalla cui frontiera
nessun viaggiatore fa ritorno, sconcerta la volontà
e ci fa sopportare i mali che abbiamo
piuttosto che accorrere verso altri che ci sono ignoti?
Così la coscienza ci rende tutti codardi,
e così il colore naturale della risolutezza
è reso malsano dalla pallida cera del pensiero,
e imprese di grande altezza e momento
per questa ragione deviano dal loro corso
e perdono il nome di azione."

- William Shakespeare -

05/01/16

La Befana di Giovanni Pascoli


Viene viene la Befana
vien dai monti a notte fonda.
Come è stanca! La circonda
neve, gelo e tramontana.
Viene viene la Befana.
Ha le mani al petto in croce,
e la neve è il suo mantello
ed il gelo il suo pannello
ed il vento la sua voce.
Ha le mani al petto in croce.
E s’accosta piano piano
alla villa, al casolare,
a guardare, ad ascoltare
or più presso or più lontano.
Piano piano, piano piano.
Che c’è dentro questa villa?
Uno stropiccìo leggero.
Tutto è cheto, tutto è nero.
Un lumino passa e brilla.
Che c’è dentro questa villa?
Guarda e guarda...tre lettini
con tre bimbi a nanna, buoni.
guarda e guarda...ai capitoni
c’è tre calze lunghe e fini.
Oh! tre calze e tre lettini.
Il lumino brilla e scende,
e ne scricchiolan le scale;
il lumino brilla e sale,
e ne palpitan le tende.
Chi mai sale? Chi mai scende?
Co’ suoi doni mamma è scesa,
sale con il suo sorriso.
Il lumino le arde in viso
come lampada di chiesa.
Co’ suoi doni mamma è scesa.
La Befana alla finestra
sente e vede, e s’allontana.
Passa con la tramontana,
passa per la via maestra,
trema ogni uscio, ogni finestra.
E che c’è nel casolare?
Un sospiro lungo e fioco.
Qualche lucciola di fuoco
brilla ancor nel focolare.
Ma che c’è nel casolare?
Guarda e guarda... tre strapunti
con tre bimbi a nanna, buoni.
Tra la cenere e i carboni
c’è tre zoccoli consunti.
Oh! tre scarpe e tre strapunti...
E la mamma veglia e fila
sospirando e singhiozzando,
e rimira a quando a quando
oh! quei tre zoccoli in fila...
Veglia e piange, piange e fila.
La Befana vede e sente;
fugge al monte, ch’è l’aurora.
Quella mamma piange ancora
su quei bimbi senza niente.
La Befana vede e sente.
La Befana sta sul monte.
Ciò che vede è ciò che vide:
c’è chi piange e c’è chi ride;
essa ha nuvoli alla fronte,
mentre sta sull’aspro monte

03/01/16

Calannario (calendario) di Totò


Mo accumencia l'anno nuovo,
è Jennaro, ch'alleria!
Cu 'a speranza e 'a fantasia,
tu te pienze ca chist'anno
forse è cchiù meglio 'e chill'ato...
quanno è a fine t'he sbagliato.

A Febbraio nce sta 'o viglione:
chi se veste d'arlecchino,
pulcinella o colombina...
e me fanno tanta pena
chesti ggente cu sti facce:
ma songh'uommene o pagliacce?!

Quanno vene 'o mese 'e Marzo
pure 'e ggatte fanno ammore,
ch'aggia fa? Me guardo a lloro?
'Mmiezo 'e grade cu 'a vicina,
faccio un anema e curaggio
e m'acchiappo nu passaggio.

Comme è ddoce 'o mese Abbrile,
tutta ll'aria è profumata!
P' 'e ciardine quanno è 'a sera
cu na femmena abbracciata,
musso e musso, core e core...
tutta smania e tutto ammore.

Quant'è bello 'o mese 'e Maggio
quanno schioppano sti rrose!
Che prufumo int'a stu mese
pe Pusiileco addiruso!
Stongo 'nterra o 'mparaviso
quanno tu staje 'mbraccio a mme?

Quanno è Giugno la stagione
vene e trase chianu chiano:
s'ammatura pure 'o ggrano,
s'ammatura tutte cose...
Pure 'a femmena scuntrosa
tu t' 'a cuoglie cu nu vaso.

Quanno è Luglio 'mmiezo 'o mare,
'ncopp' 'a spiaggia, 'nterra 'a rena
mamma mia, quanta sirene!
Io cu ll'uocchie m' 'e magnasse;
guardo a chesta, guardo a chella,
ma pe mme tu si 'a cchiù bella!

Quanno è Austo che calore!
lo nun saccio che me piglia...
Chistu sole me scumpiglia!
E te guardo cu passione:
volle 'o sango dint' 'e vvene
e nisciuno me trattene.

è chest'aria settembrina
ca te mette dint' 'e vvene
tanta smania 'e vulè bbene!
Nu suspiro, ciente vase
mille cose e 'o desiderio
ca st' ammore fosse serio.

Vene Uttombre, int' 'a stu mese
ll'aria è fresca p' 'a campagna.
Chisto è tiempo d' 'a vennegna,
si t'astrigne a na cumpagna
zittu zittu dint' 'a vigna,
nun se lagna e lass'a fà.

Chiove, nebbia, scura notte.
Stu Nuvembre porta 'mpietto
nu ricordo fatto a llutto:
nu canisto 'e crisanteme...
chistu sciore, che tristezza,
mette 'ncore n'amarezza!

A Natale, 'o zampugnaro,
'e biancale, 'e spare, 'e bbotte,
'o presebbio a piede 'o lietto.
Quann' è 'mpunto mezanotte
cu mugliereta tu miette
'o Bambino dint' 'a grotta...
Antonio De Curtis (Totò)

Note


Belle al sole del mattino,
luminose, intriganti, raggianti,
pronte a tutto pur di apparire al mio sentir...

Percorrono sentieri immensi, infiniti, 
tra linee e spazi, tra bianco e nero
e il loro viaggio le porterà dall'altra parte del mondo.
Scappano via, fugaci,
da un posto all'altro,
come cavallette parlanti.
Ti invitano a cercarle, ad afferrarle,
a toccarle, a giocare con loro,
ma è solo un'illusione.
Sono inviolabili al tuo provar,
ma si rivelano nude e leggiadre,
beate di giovinezza...
ostentano purezza e perfezione
e il tuo cuore danza seduto
davanti ai loro battiti,
Lusingato, fiero di esserci,
felice di nutrirsi di così tanto amore...
Alberto Grandinetti

Alberto Grandinetti



Il pregiudizio è un giudizio precluso a priori, mentre invece l’opinione è una libera forma di espressione che non ostina sentenze!


L'arte è il veicolo più elegante e diretto per esaltare la nostra sensibilità. L'essere umano si esprime attraverso i mezzi che la natura gli mette a disposizione e la personalizza con i gesti del suo stato d'animo più profondo.



cominciare ad assaporare i veri profumi del Natale...pace, serenità, senso di responsabilità verso chi ha bisogno di noi...il tutto sotto una nuvola di Musica, capace di trasformare gli animi più avversi in persone capaci di amare





La musica è una vera e propria rivoluzione dell'anima


La musica fortifica la mente dei deboli e nobilita le anime più aride fino a renderle capaci d'amore. 


La musica classica non si può spiegare, la si può solo vivere sulla propria pelle!



Per apprezzare il sole
bisogna prima vivere nel buio...
Per apprezzare l'amore
bisogna prima perderlo...
Per apprezzare l'amicizia
bisogna vivere la solitudine...
Ogni attimo della nostra vita è un esperienza da ricordare e un esempio da ripetere tutte le volte che perderemo qualcosa di speciale

Alberto Grandinetti

da PensieriParole

01/01/16

Buon Anno 2016!!

Buon Anno a Tutti!! Soprattutto tanta serenità.........e un augurio che possa avverarsi qualche nostro sogno......