Pagine

confrontandoci

Nato per parlare di disabilità intellettiva, man mano ho aggiunto un pò di tutto...poesie, cucina, aforismi, racconti...ecc. :)


31/01/14

L'ipotesi del male










Per certi versi, i libri erano una zavorra per rimanere ancorati alla vita, perché avevano un finale. Non le importava che fosse lieto o meno, era pur sempre un privilegio che spesso le storie di cui lei si occupava ogni giorno non possedevano. E poi i libri costituivano un antidoto per il silenzio, perché riempivano la sua mente delle parole necessarie a colmare il vuoto lasciato dalle vittime. Ma, soprattutto, erano la sua via di fuga. Il suo modo per sparire. S'immergeva nella lettura e tutto il resto -lei stessa- cessava di esistere. Nei libri poteva essere chiunque. Il che equivaleva a non essere nessuno.

[Donato Carrisi  da L'ipotesi del male]

Nessun commento: