Pagine

confrontandoci

Nato per parlare di disabilità intellettiva, man mano ho aggiunto un pò di tutto...poesie, cucina, aforismi, racconti...ecc. :)


25/09/10

Tutto dev'essere funzionale a un protocollo!

di Anna (Operatrice RSD - Residenza Sanitaria Assistenziale per Persone con Disabilità)

Dopo diversi anni di lavoro all'interno di strutture socio-sanitarie a contatto con persone con disabilità intellettiva e fisica, mi trovo oggi a fronteggiare una terribile situazione nella RSD in cui lavoro. La vita è scandita da ritmi severi e standardizzati che opprimono le libertà individuali.Dopo la sveglia, ogni persona viene lavata, vestita, e portata nella sala della colazione. Spesso gli operatori svolgono queste azioni ignorando totalmente le persone verso le quali sono rivolte. Le esigenze personali di ciascuno passano in secondo piano rispetto alla routine. Alcune mattine capita che gli operatori chiacchierino fra di loro a voce alta, a volte urlano, noncuranti delle persone che stanno assistendo. Spesso litigano, oppure ascoltano la musica.La colazione dura due ore, durante le quali non è permesso alzarsi troppe volte dal tavolo, allontanarsi dalla sala o chiedere continuamente un bicchiere d'acqua o di andare al bagno. Le conversazioni tra operatori continuano a voci sempre più alte e si stizziscono se vengono interrotte da chi vuole un'altra tazza di tè o un altro biscotto.Finita la colazione, due operatori accompagnano la maggior parte delle persone in un'unica stanza a guardare la TV. Poche volte si organizzano giochi o attività di gruppo, come previsto dal programma giornaliero.Il pranzo è a mezzogiorno e dura mezz'ora. Poi riposo pomeridiano. Alle 15 e un quarto si fa merenda. Ore 16 in punto di nuovo in sala TV a vedere un programma che sceglie lo stesso operatore, non in base a un protocollo o alle preferenze dei pazienti, ma secondo il proprio gusto.Alle 18 si cena, categoricamente già in pigiama, e successivamente, con orario massimo delle 19, tutti a letto.Durante la notte non è possibile chiedere di essere cambiato in un momento non prestabilito o "non opportuno".Gli operatori si ostacolano tra di loro, rendendo la collaborazione scarsa o inesistente, la figura medica è spesso assente, mentre il gruppo dirigenziale è impegnato a curare solamente l'immagine esterna della struttura.Le persone presenti nella struttura vengono raggruppate indipendentemente dalla fascia d'età, sesso o tipo di disabilità o disagio psichico. Non si cerca di migliorare la loro qualità della vita attraverso l'accoglienza, l'ascolto e la personalizzazione degli ambienti. Le famiglie spesso stanche, in cerca di un appoggio, si trovano di fronte all'incomprensione. Vengono sgridate se assillano gli operatori con richieste di informazioni sullo stato di salute del proprio parente.Tutto dev'essere funzionale, sì, ma a un ritmo di lavoro, a una prassi, a un protocollo.
dal sito di superando.it

questo comportamento lo trovo disumano....ma purtroppo moltissime residenze per disabili sono in queste condizioni e bisogna parlarne di più......

3 commenti:

Mario da Genova ha detto...

Come già avevo detto esiste una carta servizi ma in più centri a secondo i gruppi devono avere un programma giornalero,e per quanto l'organizzazione interna che gli operatori parlano forte ecc.iniziare subito a mettere dei limiti e provvedimenti disciplinari,visto che anche loro devono essere informati della carta dei servizi e devono metterla in atto.Mario da Genova

Marina ha detto...

succede molto spesso quello raccontato nel post, questa non è vita però , peggio della galera . Inostri figli sono considerati cose senza sentimenti, diritti e desideri, siamo noi genitori che dobbiamo vigilare, denunciare , partecipare, ricordando a questi signori che se chiediamo il tresferimento loro , le coperative vanno a mangiare sotto i ponti

Valeria ha detto...

per fortuna non è sempre così.....almeno non credo, lo spero....